STABILIZZAZIONI SANITA’: T.A.R. Catania sospeso bando. Troppo breve il termine di una settimana per presentare domande.

dirittoamministrativoIl miraggio della stabilizzazione dopo anni di precariato. Così la cosiddetta riforma Madia, ha dato una speranza a migliaia di lavoratori a termine in Italia di ottenere, dopo almeno 3 anni di servizio, un posto fisso. Dai proclami in vista del voto nazionale all’effettiva stabilizzazione il passo è lungo e l’applicazione da parte delle singole Amministrazioni delle Leggi nazionali non sempre cristallino.

Nel caso all’esame del T.A.R. Catania, l’Amministrazione, dopo anni di precariato, ha concesso solo una settimana ai lavoratori interessati per presentare la domanda di stabilizzazione.

Questa la scelta del Policlinico di Messina che il T.A.R. Catania, con provvedimento n. 323 del 2018, accogliendo il ricorso dell’Avvocato Santi Delia, ha sospeso. Accogliendo le tesi proposte dal legale messinese, il T.A.R. ha concordato sull’illegittimità del bando in quanto pubblicato esclusivamente sul sito web dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “G. Martino” e non anche sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica atteso che l’obbligo di pubblicazione su questa costituisce regola generale ed applicazione delle norme costituzionali, rendendo così ulteriormente difficoltosa la concreta partecipazione alla procedura di stabilizzazione.

Lo spirito delle procedure di stabilizzazione”, conclude l’Avvocato Santi Delia, “è evidentemente quello di coinvolgere la platea di tutti gli interessati ragion per cui ogni scelta restrittiva, qui concretatasi con la mancata pubblicazione dell’avviso nelle modalità indicate e nell’individuazione di un termine assai ristretto, deve ritenersi totalmente ostativa rispetto a questi fini. Non può, difatti, pensarsi che dopo anni di precariato sfumi l’occasione di stabilizzazione solo per non aver quotidianamente avuto accesso al sito web aziendale. Le Aziende sanitarie, che al momento sono per lo più impegnate in tali assunzioni, inoltre, dovrebbero valutare i periodi di servizio in maniera elastica, come peraltro indicano le stesse circolari, giacché ciò che conta è l’effettivo servizio prestato al di là degli stravaganti nomen attribuiti in tutti questi anni ai contratti più vari dietro i quali si celava, pur sempre, un ordinario lavoro svolto”.