AMMISSIONE A MEDICINA E ODONTOIATRIA: ECCO LE AZIONI

diritto allostudioCome saprete, da sempre siamo stati in prima linea, al fianco di centinaia di studenti delusi da un sistema di selezione che, a nostro modo di vedere, è incostituzionale e non premia in ogni caso il vero merito ed i migliori. Da ultimo la nostra ultima battaglia su Milano e Roma La Sapienza contro tutti i numeri chiusi. Di seguito anche un link con cui facciamo il punto sui ricorsi del 2016 e questi del 2017 a seguito delle ultime decisioni del Consiglio di Stato e delle vicende di Napoli Federico II
A differenza di quanto leggerete sul web e sui social, non esiste un ricorso buono per ogni stagione e non bastano generiche segnalazioni di irregolarità per pensare di ottenere l'ammissione.
Ogni azione si imposta con, alla mano, i verbali di concorso e gli specifici accadimenti della prova.
A maggior ragione quest'anno ove, a seguito delle nuove istruzioni ministeriali diramate in accoglimento delle nostre tesi passate, le singole Commissioni hanno potuto recepire in maniera differente tali indicazioni.
Sulla base delle Vostre segnalazioni e della difformità riscontrate rispetto alle indicazioni ministeriali abbiamo molto materiale su cui lavorare e, a monte, possiamo basarci su vizi già accolti in precedenza.
Da 2 anni e dopo 7 dal nostro primo ricorso sull'anonimato il Miur segue le nostre indicazioni e modifica la procedura. Dopo aver letto i verbali capiremo se le singole commissioni hanno seguito o meno tali indicazioni.
Anche nel 2015, mentre sui social si diceva che dopo le nostre vittorie dell'anno passato con oltre 15.000 ammessi tutti sarebbero stati ammessi (e altri 5000 nel 2013 sul bonus maturità e anonimato), avevamo chiarito che il processo sarebbe stato più difficile e con tempi non immediatamente certi anche in quanto il TAR doveva esaminare una situazione che era totalmente nuova. E così è stato tanto per il 2015 quanto per il 2016.
Quei contenziosi hanno portato alla vittoria sulla scheda anagrafica, su alcune domande contestate e sulla chiusura della graduatoria ed all'ammissione di molti ricorrenti con punteggi sopra il 20.

Lo scorso anno (2016/17) per primi abbiamo vinto sulla domanda n. 16 annullata e sui posti extracomunitari rimasti vacanti riuscendo a far ammettere centinaia di nostri ricorrenti che studiano tutt'oggi in attesa delle sentenze finali.

Oggi, dalla graduatoria nazionale, vedete che i posti resi vacanti per passaggi ad anni successi al primo sono rimessi a scorrimento. Prima delle nostre vittorie non era affatto così.

Per chiunque, persino per noi che siamo autori di tutte le PRIME VITTORIE sul numero chiuso, è impossibile fare delle previsioni sull'andamento del contenzioso.
Diffidate, quindi, da chi ritiene di poter prevedere il futuro e stima percentuali di vittoria.
Abbiamo una sola certezza da potervi affidare e riguarda i nostri risultati: tutto ciò che in questa materia è accaduto è passato per il nostro studio.
Siamo stati i primi a sollevare la questione dell'anonimato che ha ottenuto la definitiva consacrazione innanzi all'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato nel novembre del 2013.
Siamo stati i primi a giungere sino alla Corte Costituzionale introducendo, di fatto, la graduatoria unica che tutti oggi conosciamo.
Siamo stati i primi ad eliminare il criterio delle opzioni nei corsi di laurea per le professioni sanitarie.
Da sempre, per primi, abbiamo individuato vizi specifici sulle domande.
Anche quest'anno ritieniamo di aver individuato degli elementi totalmente nuovi e mai approfonditi che ci consento di agire per particolari categorie di soggetti.

Chi può intraprendere l'azione:

Chiunque abbia partecipato al test e si sia collocato in posizione non utile per l'ammissione. Per chi ha un punteggio basso, è possibile agire in virtù di vizi generali. Grazie a ricorsi così calibrati, in passato infatti è stato possibile ammettere anche ragazzi con ZERO punti. Questi vizi potranno essere usati da tutti. Tanto da chi ha ZERO quanto da chi ha ottenuto punteggi alti. Il consiglio, tuttavia, è di agire avendo almeno ottenuto la soglia di idoneità di 20.

Cosa fare:
Al fine di avere un quadro quanto più possibile completo delle censure da svolgere in ricorso, anche in ragione delle numerosissime segnalazioni di irregolarità già pervenute presso i nostri studi, è indispensabile proporre, immediatamente, istanza di accesso al fine di ottenere copia della documentazione di concorso.
Trattasi di incombente indispensabile per agire tanto al fine di ottenere l'allargamento delle graduatorie in corso di pubblicazione quanto l'ammissione con riserva.
I ricorsi sono di due tipi:

- individualizzato (costo € 300 omnia)

- inviduale (costo € 1850 compreso IVA e cpa oltre euro 650 per contributo unificato).

Per aderire (la seconda scadenza è quella del 10/11) segua le indicazioni nella documentazione allegata.

L'adesione potrà essere curata seguendo la documentazione allegata

Per essere sempre aggiornati sulle attività dello studio La invitiamo a iscriversi gratuitamente alla newsletter sul nostro sito www.avvocatosantidelia.it o sui social network
A presto

 

Cerca in news

Ultime News



Weblog