News

Numero chiuso Odontoiatria

Assegnazione dei posti vacanti inizialmente riservati agli extracomunitari. E' illegittima la scelta dell'Ateneo di non provvedere alla copertura totale dei posti disponibili a favore dei cittadini comunitari comunque collocati in graduatoria ove ne residuino tra quelli inizialmente riservati ai cittadini extracomunitari anche cinesi (Cons. Stato, Sez. VI, 10 settembre 2009, n. 5434). E' legittimato a richiedere il posto vacante non solo il primo degli studenti comunitari non vincitore ma anche, ove tutti i soggetti che lo precedono non lo abbiano fatto, il candidato comunque presente in graduatoria (T.A.R. Palermo, Sez. I, ord. 26 aprile 2010, n. 333; T.A.R. Catania, Sez. I, ord. 20 aprile 2010, n. 448).

Secondo il T.A.R. Sicilia, in particolare, il candidato che non è il primo dei non ammessi“beneficia dell’acquiescenza prestata da coloro i quali li precedono alla mancata integrale copertura dei posti resi vacanti a vario titolo per l’immatricolazione al primo anno del corso di laurea in Medicina e Chirurgia, consolidando l’autonoma e differenziata posizione della ricorrente a far valere giudizialmente tale interesse per il conseguimento, in caso di accoglimento, del bene-vita sotteso” (T.A.R. Sicilia-Palermo, Sez. I, 8 luglio 2009, n. 1216).

Clicca qui per scaricare l'ordinanza del T.A.R. Palermo.

Clicca qui per scaricare l'ordinanza del T.A.R. Catania.


Risarcimento del danno in caso di mancata aggiudicazione di gara d'appalto

Risarcimento del danno e appalti di pubblici servizi. Il classico criterio risarcitorio del 10% dell'offerta economica nei confronti della partecipante ad una gara d'appalto di servizi illegittimamente pretermessa dall'aggiudicazione deve essere computato avuto riguardo alla componente "comprimibile" dell'offerta economica presentata con esclusione, dunque, degli oneri "incomprimibili" quali, ad esempio, per il costo del personale (T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. III, 22 dicembre 2009 n. 2202).

Contiene, inoltre, importanti principi in materia di risarcimento danno ed individuazione dei criteri per  verificarne i presupposti ed accordarne la liquidazione anche riguardo alla "colpa" della P.A.

Clicca qui per scaricare la sentenza.

Numero chiuso nelle Università.

Numero e chiuso e Corte di Giustizia Europea.

La Corte di Giustizia ha stabilito che l'unica motivazione che consente di limitare le iscrizioni degli studenti comunitari alle facoltà mediche di un paese UE diverso da quello di appartenenza senza violare le norme del diritto europeo è la tutela della sanità pubblica. In tutti gli altri casi si tratterebbe di una discriminazione indiretta basata sulla nazionalità (C.G.E., 13 aprile 2010, proc. n. C-73/08).

Clicca qui per leggere la sentenza.

Provvedimento ex art. 43 T.U. Espropriazioni

Provvedimento di acquisizione sanante ex art. 43 T.U. Espropriazioni e silenzio.

E' possibile agire con il rimedio del silenzio ex art. 21 bis L. T.A.R. anche nel caso in cui la P.A. non provveda a determinarsi circa una richiesta dell'espropriato per l'emissione dell'atto di acquisizione e liquidazione del risarcimento dei danni (C.G.A., 25 gennaio 2010, n. 73 conferma T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. II, 17 ottobre 2008, n. 1871).

Clicca qui per scaricare la sentenza del  T.A.R. e del C.G.A.

 

 

 

 

 

Rimborso spese legali ai pubblici dipendenti

Rimborso delle spese legali sostenute in procedimenti penali o di responsabilità da pubblici dipendenti. Illegittimo il diniego dell'Amministrazione al rimborso in caso di assoluzione con formula piena anche avuto riguardo alla circostanza che "anche a favore dell'immagine dell'Amministrazione va certamente a refluire il positivo esito del giudizio penale nel quale il ricorrente si è con profitto difeso" (T.A.R. Catania, Sez. III, 8 marzo 2010, n. 471).

La sentenza contiene, inoltre, importanti principi in tema di giurisdizione del G.A. nel caso in cui il dipendente (nella specie professore universitario) svolga anche funzioni assistenziali presso una clinica universitaria. Secondo il T.A.R., inoltre, la richiesta di rimborso ha natura di diritto soggettivo, "nella vigenza di un principio generale dell’ordinamento che intesta al dipendente pubblico il titolo di credito che qui si rivendica, anche prima dell’entrata in vigore dell’art. 18 del D. L n. 67/97 le cui disposizioni possono bene applicarsi al personale delle Università degli Studi (TAR Sicilia, Palermo, sent. n. 3348 del 10/12/2007)".

Clicca qui per scaricare la sentenza.