News

La nuova azione per il riconoscimento del libero diritto di insegnare.

La nostra nuova battaglia. Contro la rottamazione della laurea degli insegnanti e il numero chiuso per accedere all'esame di abilitazione. Tutti, se dimostrano di poter superare l'esame di Stato previsto dalla Costituzione, hanno diritto di insegnare.

Clicca qui per leggere la campagna informativa di ADIDA ed aderire all'azione.

Clicca qui per leggere le ultime news dalla stampa

Sicilia

Centonove online

Campania

Informazione scuola

Orizzontescuola

Numero chiuso. Medicina 2008

Il T.A.R. Lazio ha esaminato la patente violazione dell'anonimato perpetrata dall'Ateneo nel corso degli ultimi anni nelle prove di ammissione a Medicina.

Ecco il testo dell'ordinanza con la quale il T.A.R. onera i ricorrenti ad avvertire tutti circa la possibilità che l'accoglimento del ricorso comporterebbe l'annullamento dell'intera procedura.

Il testo del ricorso verrà affisso nei prossimi giorni anche all'ingresso delle aule di lezione, presso la Segreteria che cura le immatricolazioni e sul sito web di Ateneo.

 

Clicca qui per la rassegna stampa sul cartaceo.

Clicca qui per leggere i giornali on line.

Le dichiarazioni dell'UDU e dei legali che patrocinano il ricorso, a seguito delle ordinanze del T.A.R. Catania e del Lazio sulla possibilità di annullamento del concorso del 2008 e del 2010 per gravi violazioni dell’anonimato e della segretezza delle prove.

"Dopo gli scandali del 2007, dal Ministero e da tutti gli Atenei coinvolti, era arrivata la promessa che quanto capitato non si sarebbe più ripetuto. Secondo quanto emerso dagli atti processuali, da anni, la gestione della prova di accesso a Medicina presso l'Ateneo di Messina è caratterizzata da singolari modalità di identificazione dei candidati e di consegna finale dei plichi che, non secondo l’U.D.U. o i legali, ma secondo una sentenza passata in giudicato del T.A.R. (rivolta proprio all’Ateneo di Messina), “ha reso inutili le procedure previste in via generale dal legislatore in relazione ad ogni procedura concorsuale nonché con riferimento alla prova in questione dal Decreto Ministeriale e dal bando di concorso, al fine di garantire il rispetto del principio di segretezza e la regola dell'anonimato e della par condicio dei concorrenti”.

La nostra è una battaglia per la legalità e non una guerra fra studenti, tra i più e i meno bravi o fortunati nell'aver azzeccato o meno una crocetta su un test. Siamo convinti, quindi, che dal prossimo anno tale metodo non verrà più usato e che, anche a Messina, si applichino le regole stabile per tutti gli Atenei in maniera trasparente ed imparziale.

Per quanto già accaduto, invece, confidiamo sul fatto che se è vero, come riteniamo che sia, che il diritto allo studio possa (purtroppo, ma non smetteremo mai di lottare per questo) essere compresso solo all’esito di una legittima prova di concorso che individui i più bravi e non i più fortunati, dinanzi a tali gravi violazioni, debba essere concesso a tutti i ricorrenti di accedere al sapere senza che nessuno (men che meno, per responsabilità non proprie ma delle Amministrazioni coinvolte), debba pagare anni e sacrifici di studio.

U.D.U. Santi Delia Michele Bonetti

Numero chiuso per gli insegnanti

La nostra nuova battaglia: contro la rottamazione della laurea degli insegnanti e il numero chiuso per accedere all'esame di abilitazione.

Tutti, se dimostrano di poter superare l'esame di Stato previsto dalla Costituzione, hanno diritto di insegnare.

Clicca qui per sostenere la battaglia di ADIDA

Numero chiuso e sanatoria degli studenti riammessi dal T.A.R.

Il Consiglio di Stato applica il criterio "sostanzialista" e ritiene sanata la posizione di una studentessa al III anno del Corso di Laurea in Odontoiatria che, nonostante fosse stata ammessa senza una rituale "sospensiva", grazie alla brillante carriera sino ad allora tenuta, aveva dimostrato "di essere in grado di frequentare il corso al quale non era stata ammessa".

Secondo i Giudici di Palazzo Spada "sembra che il corso di studi sia stato seguito con il consapevole ed ininterrotto consenso della Facoltà di medicina dell’Università, pur in mancanza di una specifica pronuncia cautelare del Tar che lo permettesse; il che comporta che si è avuto in concreto un totale affidamento da parte dell’Università in favore dell’interessata e che questa abbia dimostrato di essere in grado di frequentare il corso al quale non era stata ammessa. Diversamente verrebbero ad essere vanificati i risultati di quattro anni di studio, durante i quali l’Università avrebbe potuto ben informare la studentessa della provvisorietà della sua frequenza al corso di laurea" (Cons. Stato, Sez. VI, 17 febbraio 2010, n. 889).