News

TFA SOSTEGNO: TAR LAZIO accoglie ricorso su valutazione titoli

dirittoscolasticoIl 20 aprile 2017 l'Università degli Studi Internazionali di Roma bandiva un concorso per l'ammissione di docenti in possesso di abilitazione all'insegnamento- previo superamento di ben tre prove- preselettiva, scritta e orale- alla specializzazione sul sostegno nella scuola primaria.

Tale bando prevedeva che "i titoli professionali, di studio e scientifici valutabili ai fini della graduatoria finale e i relativi punteggi [...]", dovessero essere "posseduti prima dell'iscrizione alla prova d'accesso". Non veniva, però, fissato alcun termine di presentazione di detti titoli né tanto meno alcun onere per i candidati di visionare eventuali comunicazioni sul sito web istituzionale.

In mancanza di un termine indicato per la presentazione dei titoli, legittimamente, i candidati avrebbero potuto ritenere che la loro valutazione avvenisse dopo il superamento della prova orale - non avendo senso per l'Ateneo o la Commissione valutare una documentazione relativa ad un candidato che ancora non abbia superato le prove- e per ciò stesso presentare la certificazione attestante il possesso di detti titoli solo a seguito del superamento della stessa.

Oggi il Tar Lazio, rilevando la fondatezza dell'azione esperita dagli avvocati Santi Delia e Michele Bonetti, proprio "in quanto il bando della selezione, con riguardo ai titoli, si limitava a disporre che essi dovessero essere posseduti dai candidati prima dell'iscrizione della prova di accesso, ma nulla prescriveva circa il termine per la presentazione dei titoli medesimi", ha sospeso l'efficacia della graduatoria finale del concorso, ordinando il riesame alla luce dei titoli presentati.

Il Tar ha riconosciuto illegittimo che, pur non disponendo nulla in tal senso, la Commissione di sua sponte abbia interpretato il bando in forma restrittiva e totalmente difforme da quanto in prima facie emerga dal suo senso letterale.

Così come più volte confermato dalla giurisprudenza, "risulta non essere conforme al principio comunitario di proporzionalità, vigente nel nostro ordinamento in virtù dell'art.1, comma1, della legge n. 241 del 1990, né a quello di buon andamento di cui all'art. 97 della Costituzione" l'esclusione postuma per mere irregolarità formali non attinenti al punteggio del candidato e/o ai titoli in suo possesso per l'ammissione, dovendosi in via prioritaria tutelare e privilegiare il diritto alla formazione e la massima partecipazione dei cittadini nel rispetto della par condicio (c.d. favor partecipationis).

I nostri ricorrenti sono, così, stati dichiarati vincitori delle selezioni.

 

ESAME AVVOCATO: SVOLTA AL TAR CATANZARO. MINISTERO CONDANNATO ALLA RICORREZIONE.

magistraturaIllegittime le operazioni di mescolamento e raggruppamento dei plichi negli esami di abilitazione forense tenuti a Catanzaro nella sessione 2016.
E' quanto statuito dal T.A.R. Catanzaro, con le ordinanze gemelle nn. 438 e 439 del 19 ottobre 2017 con le quali è stata stigmatizzata la condotta della Commissione istituita presso la Corte d'Appello di Catanzaro che "non si è costituita in sessione plenaria, come prescrive l’art. 22, comma 4, del regio decreto 22 gennaio 1934, n. 37 e che la stessa risulta altresì formata solo da avvocati, in violazione (anche) dei criteri generali stabiliti dalla commissione centrale operante presso il Ministero della giustizia, in data 1 dicembre 2016, dove, per l’appunto, si raccomanda “la partecipazione, a tutte le operazioni di abbinamento e mescolamento delle buste, delle varie componenti professionali”".
Tale modus operandi mette in pericolo, anche in forma soltanto potenziale, la regola dell'anonimato "di per sé ragione di invalidità, indipendentemente da un concreto accertamento dell’effettiva lesione dell’imparzialità in sede di correzione".

I giudici calabresi, accogliendo i ricorsi degli Avvocati Santi Delia e Rosario Cannata, pertanto, hanno imposto alla Commissione istituita presso la Corte d'Appello di Venezia abbinata per le operazione di correzione, di riesaminare gli elaborati, fornendo delle precise indicazioni sulle modalità operative da seguire, al fine di garantire il pieno rispetto del principio dell'anonimato, attraverso "l'oscuramento del precedente giudizio, con l’imbustamento degli elaborati e con la ricorrezione contestuale con altri elaborati di dieci candidati estratti a sorte in contraddittorio".

TAR LAZIO: illegittimo negare il cambio provincia delle GI ai docenti iscritti in GAE con riserva

dirittoscolasticoSalta il DM sull'aggiornamento delle Graduatorie di Istituto. Ancora una volta gli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti riescono ad annullare un Decreto Ministeriale. Secondo il T.A.R. Lazio è illegittimo aver imposto ai docenti iscritti con riserva nelle GAE e, dunque, anche in prima fascia di Istituto, di non poter cambiare provincia aggiornando la seconda e la teza fascia di istituto.

Il D.M. 374/17 prevedeva che "gli aspiranti di II e III fascia delle graduatorie di istituto, che risultino inseriti anche in I fascia, non potranno sostituire le istituzioni scolastiche, ivi inclusa la scuola capofila, neppure ai fini dell’inserimento in II e/o III fascia, ma potranno aggiornare i punteggi nella II e III fascia”. Il T.A.R. Lazio, accogliendo la tesi difensiva di Bonetti e Delia, ha annullato il D.M. per violazione di fonte sovraordinata in quanto contrastante con il D.M. regolamentare e richiamato tra i visto e i considerata dello stesso D.M. impugnato. La fonte sovraordinata, difatti, all’art. 5, comma 8, chiarisce che “coloro che hanno titolo ad essere inclusi nelle graduatorie ad esaurimento di una sola provincia hanno facoltà di scegliere, ai fini dell’inclusione nelle graduatorie di circolo e di istituto, una provincia diversa da quella in cui figurano inclusi nelle graduatorie ad esaurimento medesime” con il solo limite che “resta comunque preclusa, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, la cumulabilità di rapporti di lavoro in due diverse province”.

Si tratta, commentano Delia e Bonetti, di una vittoria importantissima in quanto permetterà a centinaia di insegnanti di poter, quanto meno, sfruttare il canale delle supplenze in una Provincia più prossima rispetto a dove si svolge la loro vita e dove hanno gli affetti familiari. Tre anni non sono affatto pochi ragion per cui attendere un periodo così tanto lungo vuol dire imporre ai docenti precari scelte di vita che possono minare dal profondo gli equilibri familiari e professionali. Prima di inserire clausole come quella annullata il MIUR dovrebbe ricordare quanti sacrifici, in punto di territorialità, sono stati imposti alla classe docente.

 

Medicina 2017: tutti i nostri dubbi sul test di ammissione. L'intervista a Studenti.it

diritto allostudioChi va al mare mangia il gelato. Tutti i bambini mangiano il gelato. Francesco va al mare”. Se le precedenti affermazioni sono vere, quale delle seguenti è necessariamente vera?

E' con domande come queste che, in Italia, da ormai quasi un trentennio, vengono selezionati gli studenti che possono studiare Medicina.
In tanti, praticamente tutti, si sono spesso chiesti se sia legittimo che i futuri medici vengano scelti sulla base di domande di questo tipo. E’ dal 2013, difatti, che il peso di tali domande di logica all’interno dell’economia del test è esponenzialmente aumentato rendondo, di fatto, tale sezione, come la più importante del test. Se riesci a risolvere la logica (che oggi pesa ben 30 punti sui 60 che sono utili per accedere) hai di fatto l’ammissione a Medicina in tasca. Ma non era affatto quello che il Legislatore del 1999 aveva in mente.

Come dovrebbe essere il test di accesso a Medicina secondo le indicazioni che diede il Legislatore nel 1999?

Il nostro legislatore seguendo le indicazioni della Corte Costituzionale, aveva immaginato una prova di ammissione (che oggi sappiamo tutti essere un test a crocette) basata su “prove di cultura generale, sulla base dei programmi della scuola secondaria superiore, e di accertamento della predisposizione per le discipline oggetto dei corsi medesimi”. Tale norma, in un decisivo documento che il MIUR ha reso accessibile solo dopo una serie infinita di nostri ricorsi sull’accesso agli atti, è letta dallo stesso Ministero come utile ad imporre che il test sia formato da metà domande di cultura generale sulla base dei programmi della scuola superiore e l’ulteriore metà basata sulle materie tipiche (che, per capirci, sono per Medicina quelle di Biologia, Matematica, Fisica, Chimica etc.. e per Architettura ad esempio Storia). Il problema è che oggi la cultura generale  basata sui programmi pesa soltanto 2 domande su 60 nell’attuale test e ben 20, invece, sono i test di logica che nessuno degli studenti studia nei programmi delle scuole superiori. In nessun programma ministeriale, difatti, compare questo tipo di logica che ci aiuta a capire se Francesco può andare al mare mangiando o men o il gelato.
Il test di ammissione, dunque, si è trasformato nella prova dei migliori studenti nella preparazione in corsi ad hoc che studiano questa logica (diversa a seconda che sia quella di Cambridge del 2015 o la più semplice degli eserciziari del 2016 e 2017 e da qui che i punteggi minimi di ammissione sono passati da 29 a 61) e ciò, a nostro modo di vedere, in maniera illegittima.

Per aderire o per ulteriori informazioni clicca qui

Vai allo speciale di Studenti.it

Ricorso test Medicina 2017: la video intervista all'Avv. Santi Delia

TAR CATANIA: LA POSIZIONE GIURIDICA DEL RICORRENTE E’ DEFINITIVAMENTE CONSOLIDATA SE HA SUPERATO LE PROVE SCRITTE ED ORALI. SUPERATA LA BOCCIATURA ALLE PRESELETTIVE.

dirittoscolasticoIl Tar Catania, chiamato a pronunciarsi sull'accesso ai corsi del TFA sostegno, ha fissato un nuovo ed importante principio giuridico. Il Giudice Amministrativo, che con decreto cautelare aveva consentito alla ricorrente di svolgere le prove scritte ed orali per l'accesso al corso nonostante il mancato superamento della soglia di ammissione alle prove preselettive, dopo aver verificato il buon esito delle stesse, su specifica istanza degli Avv.ti Delia e Bonetti ha sancito che "conseguono ad ogni effetto l'abilitazione professionale o il titolo per il quale concorrono coloro che abbiano superato le prove d'esame scritte ed orali previste dal bando, anche se l'ammissione alle medesime o la ripetizione della valutazione da parte della commissione sia stata operata a seguito di provvedimenti giurisdizionali o di autotutela" e per l'effetto, con integrale accoglimento delle censure proposte ha dichiarato il ricorso della docente improcedibile avendo ella definitivamente stabilizzato la propria posizione giuridica".

"A differenza di quanto sostenuto da taluna e più restrittiva giurisprudenza secondo cui tale principio non sarebbe applicabile nei corsi a numero chiuso", commenta l'Avvocato Santi Delia, "anche a tali corsi post laurea, come già avvenuto per quelli a numero programmato di medicina, va applicato il principio del consolidamento sancito dal legislatore del 2005. Il titolo cui aspirano in fase di selezione i candidati, difatti, non è quello finale, e dunque la laurea nel caso dell'accesso a medicina o il titolo di specializzazione in questo caso, ma l'ammissione al corso che, qui, era stata con merito acquisita". l'Ateneo provvederà immediatamente ad eliminare la riserva della ricorrente per consentirle di proseguire il corso sino all'esame finale".

T.A.R. Catania, Sez. I, 13 ottobre 2017, n. 2395