Le UNIVERSITA' SBAGLIANO ANCORA, ILLEGITTIME LE GRADUATORIE DI CHIETI, MILANO, NAPOLI FEDERICO II, GENOVA, FERRARA, PERUGIA, TOR VERGATA, TRIESTE E UDINE.

In questi Atenei nonostante le nostre vittorie al T.A.R. continuano a pubblicare le graduatorie sulla base della preferenza e non del punteggio.

Perché queste graduatorie sono illegittime?

I candidati di tutti gli altri Atenei d'Italia, così come previsto dal MIUR, potevano inserire 3 scelte cosicchè in caso di mancata ammissione al corso di laurea di prima opzione si poteva ancora cogliere l'opportunità di essere ammesso negli altri. In tutta Italia tranne che in queste sedi.

Si perchè secondo il bando di concorso di questi Atenei l'ammissione al corso di laurea di seconda o terza scelta da solo diritto alla possibilità di essere inserito in coda in quella graduatoria dopo tutti coloro che pur avendo ottenuto un punteggio più basso hanno scelto quel corso come prima opzione. Il candidato con 68 punti escluso a Fisioterapia, per fare un esempio, è rimasto comunque fuori da infermieristica nonostante vi siano ammessi con poco più di 50 punti.
Una scelta selettiva, dunque, che tutto premia fuorchè il merito. Una vera e propria lotteria delle opzioni.

Dello stesso avviso è il T.A.R. del Lazio che ha accolto il ricorso degli Avvocati Santi Delia e Michele Bonetti, sempre pronti a difendere i diritti degli studenti, ed ha ammesso lo studente al corso di laurea indicato come seconda scelta.

"Non è una vittoria del singolo studente ma è un'affermazione del diritto allo studio e del merito", commenta l'Avvocato Santi Delia. "Da anni ci battiamo per una graduatoria unica che premi esclusivamente il merito dei candidati e che escluda la lotteria delle opzioni o che elimini il rischio imponderabile del numero dei candidati presenti in una determinata sede".


"La decisione del T.A.R. riguarda ovviamente il solo nostro ricorrente", continua il legale messinese, "ma fa rabbia analizzare la graduatoria e vedere quanti studenti sono stati privati della possibilità di studiare al corso di laurea cui aspiravano pur avendo dimostrato di valere sul campo l'agognata ammissione".


Ora tutti coloro che non sono stati ammessi al corso di laurea di prima opzione ma con il loro punteggio sarebbero stati ammessi nelle altre possono fare ricorso.

Aderisci

Weblog

Ultime News



I nostri studi

Roma e Messina