Carissimi docenti,

da ormai 4 anni siamo al Vostro fianco contro il precariato per tutelare il Vostro diritto ad insegnare.

Siamo stati i primi a vincere sui TFA riuscendo ad abbattere il muro di tutte le prove: dai famigerati test conditi anche da 25 errori, sino alle disparità sulla valutazione della prova scritta, di quella orale e dei Vostri titoli.

A graduatorie definitive affisse siamo persino riusciti ad ottenere l'ammissione degli idonei in sedi con posti vacanti.

Anche sul concorsone siamo stati i primi ad ottenere giustizia con i ricorsi contro il bando ed i requisiti ivi richiesti contro i precari storici della scuola. Ricorderete anche tutte le battaglie vinte sula soglia e sulle prove preselettive del concorsone, così come sulla valutazione delle griglie nella prova scritta.

Siamo stati in prima linea anche con migliaia di ricorsi al giudice del lavoro per contrastare l'abuso dei contratti a termine ed il cronico precariato che solo in Italia caratterizza il ll lavoro degli insegnanti.

In questa breve, per quanto possibile, e atecnica missiva volevamo cercare di rappresentare il percorso legale sino ad oggi espletato e quello che ci accingiamo a intraprendere per tutti Voi.

Nella nota vi sarà una suddivisione per capitoli in modo che ognuno di Voi possa assumere eventualmente anche le sole informazioni che desidera.

RICORSO PER ACCEDERE ALLE GAE PER TUTTI I NUOVI ABILITATI E ABILITANDI E PER COLORO CHE ENTRERANNO E CHE AVRANNO ACCESSO AI P.A.S.

Partono i nuovi ricorsi la cui scadenza è fissata al 30 settembre 2013 (data di invio della raccomandata con ricevuta di ritorno) in cui saranno impugnate tutte le disposizioni che vietano l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento ai docenti recentemente abilitati presso il TFA ordinario (sia per le vie ordinarie, sia per il tramite di pronuncia giudiziaria anche con riserva) e per chi si iscriverà ai PAS. La possibilità di inserimento era già prevista per i docenti abilitati presso le SSIS o i corsi ex-lege 143/04 ed è a nostro avviso illegittimo non consentire l’accesso alle Gae a docenti abilitati o da abilitare presso percorsi regolarmente attivati dalla Repubblica Italiana. La formazione da sempre è stata e deve essere connessa al reclutamento. Riteniamo dunque che sia legittimo pretendere l’accesso alle Gae da parte degli abilitati e abilitandi del Tfa e di coloro che si abiliteranno con i tirocini formativi speciali e che ogni limitazione normativa che preclude tale accesso (già codificata dal Ministero nelle modifiche al Regolamento introdotte dall’art. 15, c. 27 bis del D.M. 25 marzo 2013 pubblicate in Gazzetta il 4 luglio 2013) debba essere cambiata.

RICORSO P.A.S. RIVOLTO A TUTTI COLORO CHE NON HANNO ACCESSO AI PAS

L’Associazione Adida intende proporre una serie di ricorsi al TAR del Lazio per impugnare i decreti che hanno avviato le procedure di iscrizione ai PAS. Il ricorso è diretto a tutti coloro che hanno maturato servizio nel sistema di istruzione e formazione italiano ma, per il tipo di servizio svolto, il numero dei giorni, il tipo di contratto sottoscritto, o altri fattori, non rientrano nei parametri fissati dal MIUR per l’accesso ai PAS.
A questa pagina http://www.associazioneadida.org/content.6.ricorsi.html sono elencate alcune delle tipologie di ricorso, a titolo esemplificative, ma già abbiamo individuato altre categorie omogenee che saranno raggruppate in ricorsi collettivi specifici. In tutti i casi, si precisa che tutti coloro che vorranno intentare il ricorso dovranno comunque INOLTRARE AL MIUR E ALL’UFFICIO SCOLASTICO LA DOMANDA PER L’ACCESSO AI PAS, anche in forma cartacea qualora il sistema non permetta la registrazione; pertanto in tal caso si consiglia di inoltrare le raccomandate con ricevuta di ritorno (utilizzando come modello le voci del modulo on line del Ministero o ricostruendo tale modello seguendo il sito istanze on line o richiedendo il modulo alla stessa Associazione Adida), ENTRO E NON OLTRE STESSA DATA DI INOLTRO DELLA DOMANDA STABILITA DAL MINISTERO E AD OGGI FISSATA AL 29 AGOSTO 2013.

Per tutti coloro che invece versino in situazioni particolari e non accomunabili agli altri, ai fini di una rappresentazione corretta della propria censura (nel ricorso collettivo verranno necessariamente proposte come per legge motivi di natura collettiva e comuni a tutti i ricorrenti al fine di non incappare in vizi di procedura e inammissibilità) siamo disponibili a valutare con voi la possibilità di un ricorso individuale che consigliamo solamente qualora vi siano serie e comprovate ragioni, come ad esempio nel caso della sussistenza di contratti di collaborazione occasionali non computabili come giorni di servizio o altre fattispecie che denotino una specificità e apprezzabilità del caso individuale (ad esempio qualora per pochi giorni non si riesca ad entrare). Nel caso di ricorso individuale la somma eventualmente versata di euro 100 per il ricorso collettivo sarà decurtata dalla spesa o restituita.  
Anche per questa tipologia di ricorsi la scadenza è sempre fissata al 30 settembre 2013 (data di inoltro della raccomandata con ricevuta di ritorno) ma sono sempre fatte salve eventuali proroghe che visionerete sui nostri siti internet.

TIROCINIO FORMATIVO ORDINARIO

Adida ha impugnato le diverse prove concorsuali del tirocinio formativo consentendo la partecipazione alle prove successive e poi il superamento di tali esami in cui molti ricorrenti erano stati esclusi.
Dapprima si è iniziato con la impugnazione del test, poi con ricorsi successivi per l’impugnazione degli scritti con passaggio all’orale e infine con la contestazione degli orali con ammissione di molti esclusi direttamente al Tfa.
Una percentuale prossima al 95 % dei ricorsi semicollettivi (piccoli gruppi di ricorrenti) e dei ricorsi individuali è andata a buon fine. Nessuna ammissione con riserva da noi ottenuta sino ad oggi è stata ribaltata con la sentenza definitiva o in sede di appello.
Per i ricorsi collettivi generali in cui erano state accorpate più classi di laurea ed Atenei sono stati ammessi alla prova successiva tutti quei ricorrenti la cui prova doveva essere ancora espletata. Per tutti gli altri aderenti siamo in attesa della fissazione del merito ed è stato già richiesto il prelievo del fascicolo.
È stato avanzato anche un caso di un ricercatore escluso dal Tfa alla Corte Europea dei diritti dell’Uomo e siamo in attesa della pronuncia.

CONCORSONE

Sono stati proposti diversi ricorsi con successo.
Dapprima è stato avanzato un ricorso per far accedere al concorso tutti coloro che non ne avevano accesso in virtù del principi di favor partecipationis e democraticità nei concorsi pubblici. È stato così proposto un ricorso per gli aderenti più “giovani” laureatisi recentemente e come tali esclusi. È stato poi inoltrato un ricorso per i soggetti già in ruolo ed esclusi dal concorso, nonché per altre categorie di esclusi. In tal modo centinaia di persone hanno avuto accesso al c.d. concorsone.
Successivamente è stato proposto un ricorso per i non ammessi del test che avevano preso tra i trenta e trentacinque punti, cinque punti di graduatoria che rappresentano migliaia di persone. Tutti i ricorrenti sono stati ammessi con riserva agli scritti successivi.
Da ultimo abbiamo ammesso agli orali decine di esclusi agli scritti.
Ad oggi siamo ancora in attesa della conferma dei provvedimenti cautelari con la sentenza di merito.

GIUDICE DEL LAVORO

Abbiamo proposto centinaia di ricorsi in tutta Italia contro il Ministero. Ad oggi siamo in attesa di sentenze definitive che non avverranno prima che la Corte Costituzionale, che ora attende la CGE, si pronunci sulla costituzionalità dello sfruttamento del lavoro precario.
Nell’attesa registriamo vittorie molteplici in diversi Tribunali, Milano, Genova, Viterbo, Piacenza, Cuneo, Verbania, Genova, Viterbo e Busto Arsizio etc. sulla questione degli scatti d’anzianità. Da sempre i precari vengono pagati meno dei loro colleghi in ruolo, tale questione è inaccettabile e abbiamo scelto così di rivendicare tutti gli arretrati per i nostri assistiti unitamente ad una condanna per il futuro ad adeguare anche i prossimi stipendi. Tali arretrati e scatti futuri, oltre a costituire somme importanti, incideranno su tutti gli altri istituti connessi, dalla tredicesima alla liquidazione che saranno oltremodo riaggiornate con interessi e rivalutazione. A ciò si è unito in alcuni casi un cospicuo risarcimento (c.d. indennità risarcitoria da collegato lavoro etc.) del danno.

RICORSO PER I PUNTI DEL MILITARE O SERVIZIO CIVILE

Dopo aver vinto un ricorso pilota al Tribunale di Roma l’Associazione ha iniziato una campagna per il riconoscimento del servizio militare e civile ai fini dell'attribuzione del punteggio.
Ai sensi dell'art. 20 della L. 24 dicembre 1986 n. 958, infatti, il servizio militare e civile prestato non in costanza di nomina deve essere valutato a condizione che il periodo di leva debba essere stato svolto successivamente al conseguimento del titolo che consente l'accesso in graduatoria. Tale legge rende illegittima l'interpretazione "restrittiva" data dal DM 42 dell'08.04.2009 al comma 5 punto 3, secondo cui il servizio militare ed i servizi assimilati per legge sono valutati solo se prestati in costanza di nomina.
Così in occasione dell'aggiornamento delle graduatorie d'istituto di III fascia, il problema del mancato riconoscimento del servizio militare ai fini dell'attribuzione dei 12 punti è stato nuovamente sollevato dinanzi ai Tribunali italiani ottenendo il detto punteggio.
Il contenzioso è stato avanzato su tutti i Tribunali garantendo un servizio capillare ai nostri aderenti su ogni sede.

RICORSI PRECEDENTI GAE: AL TAR A PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ETC., LA QUESTIONE DELLE QUESTIONI, TAR O GIUDICE DEL LAVORO?

Adida ha presentato una serie di ricorsi, individuali, semi collettivi e collettivi al Tar, nonché al Presidente della Repubblica avverso i decreti di riapertura delle Graduatorie ad Esaurimento. Una serie di ricorsi mirati per soggetti in possesso di abilitazione ma a cui era precluso l’ingresso in Gae, tra cui in primis un ricorso per i soggetti in possesso del diploma magistrale ovvero di un titolo abilitante per l’accesso alle Gae, per i precari della terza fascia abilitatisi sul campo e per stessa ammissione del Miur idonei all’insegnamento etc.
Per tutti tali ricorsi è stata già depositata un’istanza di prelievo, ovvero la richiesta della fissazione del merito della causa in cui sostanzialmente si definirà il giudizio.
Tuttavia è bene rappresentarvi che, in una serie di giudizi di altre note associazioni del settore, lo stesso Tar del Lazio ha emanato delle sentenze ove è stato dichiarato il difetto di giurisdizione in favore del Giudice del lavoro. In poche parole per la sezione Terza bis del Tar del Lazio, che ad oggi però è bene ricordarlo vanta il recente ingresso di un nuovo autorevole Presidente, a dover decidere non è il Tribunale Amministrativo ma il Giudice del Lavoro, ovvero il Tribunale del Lavoro.
Dinanzi a tale situazione Adida è stato l’unico soggetto che ha proposto un regolamento di giurisdizione dinanzi alle Sezioni Unite della Corte di Cassazione diretto a dirimere definitivamente tale problematica. Difatti il rischio è che sia il Tar che il Giudice del lavoro dichiarino la giurisdizione dell’altro e che la questione si protragga nei gradi successivi. Così siamo andati direttamente al massimo organo per mettere la parola fine a tale incertezza. L’udienza è fissata dinanzi alle Sezioni unite della Cassazione per il giorno 24 settembre 2013 e concerne le tematiche dei ricorsi Gae, nonché dei ricorsi per il c.d. salva precari.

****
Non possiamo che concludere con il ringraziarVi per l’onore che ci avete concesso sino ad oggi nel rappresentarVi e difenderVi.

E' solo grazie alla Vostra fiducia che i risultati sono stati così eclatanti e positivi.

Nel segno della continuità della tutela dei precari della terza fascia rimbocchiamoci le maniche e permetteteci di tenere la barra dritta del nostro timone e proseguire tutti insieme per la tutela dei nostri diritti.
VostrI,
Santi Delia & Michele Bonetti
A v v o c a t I

Si allega per Vostra comodità un facsimile (in formato pdf e word) di domanda da inoltrare al MIUR e all'Ufficio Scolastico Provinciale a mezzo raccomandata a.r. di cui dovrete fare una copia e rimettertercela unitamente a tutta la documentazione.

 

  • DOMANDA_CARTACEA_ACCESSO_AI_PAS_ADIDA.ODT
  • DOMANDA_CARTACEA_ACCESSO_AI_PAS_ADIDA.PDF
  •  

     

    Weblog

    Ultime News